Wli Falls

Partenza per l’ultima tappa del viaggio, e anche quella che dovrebbe essere la mia preferita: Wli. Purtroppo dobbiamo ritornare ad Ho perché il taxi non vuole portarci alla fermata più vicina del bus per Hohoe perchè la strada e pessima e per la maggior parte sterrata. Questo ritorno a Ho ci ha fatto raddoppiare la durata del viaggio e impieghiamo 1 ora e 40 minuti per arrivare a Hohoe. La solita conversazione con i tassisti che volevano farci pagare quattro volte il prezzo “di mercato” per raggiungere Wli. Adottiamo la nostra tecnica: ci allontaniamo dalla stazione, andiamo a comprare qualcosa dai venditori per strada, iniziamo a chiacchierare con la gente locale e ci facciamo spiegare come arrivare a Wli e i prezzi onesti dei trasporti. Cosi troviamo il bus per Wli e l’autista addirittura ci accompagna davanti alla Guesthouse (che si trova di fronte al Visitor Center), temendo forse che delle povere fanciulle bianche indifese potessero perdersi in un villaggio composto da 3 strade che si incrociano.

Organizziamo la visita alle cascate per l’indomani mattina al Visitor Center. Ci propongono di visitare le cascate alte (upper falls) e le cascate basse (lower falls), 3 ore di cammino per raggiungere le cascate alte e 2 per raggiungere quelle in basso. Non ci infomano però che le tre ore in salita sono a dir poco pericolose e a mala pena percorribili. Il sentiero a tratti è completamente inesistente e bisogna camminare/arrampicarsi su terreno con al massimo il sostegno di alcune radici qua e là. Ovviamente loro offrono il “pacchetto” che comprende entrambe le cascate per ottenere il massimo profitto (ovvero quanti piu’ soldi riescono a farsi dare dai bianchi). Abbiamo cercato di fare delle foto lungo il percorso ma putroppo nessuna di loro rende giustizia anche perché lo spazio era troppo poco per fare delle foto che mostrassero il percorso. Aggiungiamo anche che la (non)guida non é affatto di aiuto, a tratti lo perdevamo persino di vista. In circa tre ore rggiungiamo la upper fall, siamo gli unici visitatori, la guida si addormenta su un albero e anche noi ne approfittiamo per un riposo. Ripartiamo per altre 2 ore di cammino in discesa, ma solo parzialmente meno selvaggio, che porta alla cascata bassa (lower fall). Le cascate sono pressocché identiche, anzi la cascata in basso é più alta,  quindi a meno che non abbiate il tempo, la pazienza e l’allenamento necessario per affrintare il percorso, non vale la pena visitare la cascata alta! Alla cascata bassa c’e qualche altro piccolo gruppo di visitatori.

Ai lati della montagna della cascata ci sono delle colonie di pipistrelli, che in teoria sono potetti dal Visitor Center, ma purtropo ho assitito alla caccia dei pipistrelli da parte di alcune persone del posto. Probabilmente lo fanno solamente quando ci sono pochi turisti, ma sicuramente non é stata una bella scena. La prima volta che hanno sparato ci hanno anche avvisato affinché non ci spaventassimo.  Ah meno male….
Il percorso dalla cascata bassa fino villaggio/visitor center é praticamente pianeggiante e lungo circa 35 minuti di cammino, letteralmente una passeggiata rispetto al percorso per la cascata alta. Ultima esplorazione pomeridiana per il villaggio e l’indomani mattina viaggio di 5 ore per ritornare ad Accra.

(Grazie a Flavia Santos per alcune delle foto)

This slideshow requires JavaScript.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s