Sunyani

Ultimo giorno della nostra gita fuori porta a Sunyani/Mole. In programma era solo una visita a un villaggio a circa mezz’ora da Sunyani, dove due ragazze dovevano tenere una lezione con i bambini sulla salute, e la nostra partenza per Accra con l’autobus delle 21. La giornata pero’ e’ stata piena di sorprese, a cominciare dal mezzo di trasposto per arrivare al villaggio: una variante di triciclo/ape car. Tre in totale per portare tutti, e durante il tragitto, che per meta’ si trattava di attraversare piantagioni di mais e cassava, avevamo deciso di fare a gara a chi arrivava prima. Arriviamo tutti salvi, andata e ritorno. Tanti bambini al villaggio, ma nessuno, nessuno davvero ci chiama obruni, non si avvicinano nemmeno, non sembravano spaventati, ma solamente molto timidi. Non solo nel villaggio, ma anche nel centro di Sunyani pochissimi ci chiamavano obruni, nessuno ci ha ricorso, ho ricevuto solo un paio di proposte di matrimonio (rispetto alle dozzine che riceviamo ogni giorno ad Accra), insomma non so se fosse un caso del giorno, ma forse l’aggettivo discreto e’ il termine più adeguato per descrivere la mia impressione dell’ambiente a di Sunyani nei confronti degli stranieri/bianchi rispetto ad Accra. Addirittura al ristorante, con un po’ di imbarazzo lo ammetto, ho mangiato il banku col cucchiaio ma nessuno e’ venuto a dirmi nulla e nemmeno mi guardavano! Per essere in Ghana garantisco che e’ veramente strano! Appena finito il pranzo un amico ghanese passa a salutarci e ci propone una visita alla radio dove lavora Ark.fm. Il simpatico receptionist/dj/amministratore e’ talmente gentile e felice della nostra visita che dopo un giro guidato per gli studi ci chiede di registrare dei jingle per la radio. Ne registriamo una decina in totale. Accompagniamo ancora il nostro amico a visitare sua sorella. Capitiamo proprio mentre lei stava facendo il fufu, e mentre osserviamo il procedimento facciamo anche babysitting alla sua bellissima figlia. E’ quasi ora di tornare a prendere i bagagli e prepararci per la partenza, ma dietro l’angolo un inaspettato incontro ci fa chiudere la giornata in bellezza: due filatori che intrecciavano il Kente. Una precisione e un coordinamento dei movimenti e un suono che incantavano… Finisce cosi il mio primo viaggio fuori Accra con un bilancio piuttosto positivo, e appena tornare a casa pensiamo gia’ alla prossima meta da esplorare in Ghana….o forse Togo! ^_^

 

Advertisements

2 thoughts on “Sunyani

  1. Pingback: Mole National Park | Annalisa's blog ^_^

  2. Pingback: Kente waving in Sunyani | Annalisa's blog ^_^

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s